lunedì 2 maggio 2011

Comicon. 01

Stanotte ho sognato che ero al Comicon di Napoli.

Dolly indietro a inquadrare frontalmente Igort che passeggia per le sale di pietra di Castel Sant'Elmo. Intorno a lui le persone si fanno evanescenti e, una dopo l'altra, scompaiono.

Le proiezioni nell'auditorium vanno avanti, alle pareti ci sono ancora appese le tavole e gli stand sono ancora lì. Ma dentro non c'è più nessuno.

Alla fine resta solo Igort. E Baru con gli occhiali che disegna sui libri.

Non ho capito se era un sogno di qualcosa che lì finiva o di qualcosa che da lì iniziava.

4 commenti:

  1. A scanso di equivoci lo sottolineo: non è un post di critica al Comicon di quest'anno. È un sogno vero di stanotte.

    RispondiElimina
  2. Hai un subconscio critico.

    RispondiElimina
  3. Quello nella foto non può essere il Castel Sant'Elmo durante il Comicon. C'è troppa gente in quella foto.

    RispondiElimina
  4. Diciamo la verità: scegliere di destinare al Comicon due luoghi diversi e fisicamente piuttosto difficili da raggiungere velocemente si è rivelato un flop.
    Penso che gli organizzatori debbano riconoscere l'errore e fare marcia indietro,
    Io rivoglio la mostra fracassona dove un cinquantenne, come il sottoscritto, incrociava quindicenni cosplay, dove le mostre si alternavano al mercatino, dove nei corridoi non si riusciva a passare tanta era la calca.
    E sto parlando di tre anni fa, se non sbaglio.
    Speriamo in un cambiamento, perchè credo che un altro anno così e a Napoli ci giochiamo il Comicon.
    Saluti

    RispondiElimina